Iniziate il vostro tour gastronomico con il miglior street food di Roma

Scritto da: Andrea Spallanzani
Recensito da: Rick Orford
Come e perché abbiamo creato questo articolo

Questo articolo è stato scritto, rivisto e sottoposto a fact-checking da Rick e da me. Viviamo in Italia e viaggiano in tutto il Paese per aiutarvi a fare le scelte migliori per il vostro viaggio. Abbiamo scritto questo pezzo per aiutarvi a vivere al meglio il vostro prossimo viaggio in Italia. Alcune parti di questo articolo sono state scritte utilizzando strumenti di IA assistita per aiutare in compiti come la ricerca, il controllo ortografico, la grammatica e la traduzione.

Ultimo aggiornamento 28 ottobre 2023

Pianificazione del viaggio a Roma, la Città Eterna? La capitale italiana ha molto da offrire ai turisti, se si sa dove cercarli. Naturalmente, c'è la magnifica architettura, le grandi chiese antiche, le rovine ben conservate dell'antica Roma, le sculture, l'arte e, naturalmente, il cibo. Molte persone si recano in città per gustare l'autentico cibo italiano, riempiendo i ristoranti e le trattorie vicino ad alcune delle attrazioni più conosciute.

L'atmosfera opulenta, l'ambiente intimo, la raffinata selezione di cibi italiani e i decadenti abbinamenti di vini creano l'immagine tradizionale del mangiare in Italia. Tuttavia, un viaggio gastronomico in città è incompleto senza provare il cibo di strada di Roma. E con l'indiscussa reputazione dell'Italia di essere la patria di alcuni dei migliori piatti del mondo, si sa che anche il cibo di strada sarà buono.

Ecco quindi i più famosi che si trovano a Roma, da provare durante il vostro prossimo viaggio. 

I migliori posti di street food a Roma: Buon Apetito!

Come suggerisce il nome, il cibo di strada è di solito ovunque in città. Ma se volete inserire il cibo di strada romano tra i vostri itinerari, ci sono alcuni luoghi dove trovare i migliori. 

Mercato di Testaccio / Mercato alimentare di Testaccio

Uno dei luoghi più noti di Roma è il Mercato di Testaccio, situato nel suo omonimo quartiere. Si trova a circa trenta minuti di treno dalla stazione di Roma Termini. Il luogo è ricco di storia: inizialmente un mercato all'aperto, Testaccio è cresciuto fino a diventare un mercato più grande, coperto da un tetto. Le dimensioni, le bancarelle e la folla hanno finito per superare l'indirizzo originale nel 2012, così il mercato si è trasferito nell'attuale sede di 5.000 mq in Via Aldo Manuzio.  

Testaccio offre alcuni dei migliori piatti d'Italia, punto e basta. Le centinaia di bancarelle offrono tutte qualcosa di unico da provare per i visitatori e gli abitanti del luogo. Alcune bancarelle sono in attività da decenni. Turisti, turisti e soprattutto buongustai apprezzeranno un viaggio qui. 

Trastevere

una foto del fiume Tevere lungo trastevere a Roma

Trastevere è un quartiere storico situato sulla sponda occidentale del fiume Tevere a Roma. Colloquialmente conosciuto come il quartiere bohémien della città, Trastevere è famoso per la sua architettura colorata, la vivace vita notturna e l'atmosfera artistica e non convenzionale. I turisti si riversano in massa in questo luogo per vivere il "cuore di Roma". E dove ci sono turisti, ci sono ristoranti, bancarelle e cibo di strada.  

Elenco del miglior cibo di strada romano

Iniziate il vostro tour del cibo di strada a Roma con cinque dei migliori e più popolari. 

Supplì o Suppi: Il miglior cibo di strada di Roma

Facendo una rapida ricerca su Google riguardo ai cibi di strada a Roma, inevitabilmente i supplì si troveranno in cima alla lista o quasi. E questo, amici miei, è meritato. 

piatto di supplementi

I supplì sono un piatto della tradizione romana. Sono palline fritte, leggermente oblunghe, fatte di riso e di un sugo a base di pomodoro e carne, con un quadratino di formaggio, di solito mozzarella, al centro e ricoperte di pangrattato per dare un tocco di croccantezza in più prima della parte centrale. È uno dei cibi di strada più famosi di Roma, molto apprezzato da locali e turisti. Gli ingredienti semplici e la facilità di preparazione fanno sì che queste deliziose polpette di riso si trovino ovunque in città. Se vi trovate nei paraggi, potete provare La Casa del Supplì in Viale Furio Camillo.  

Gli italiani sono molto creativi nell'arte culinaria e si può scommettere che hanno adattato la ricetta dei supplì per ogni occasione. Sono ampiamente disponibili aggiunte come pepe nero, ripieni di carne, di pesce o opzioni completamente vegetariane. Esistono diversi tipi popolari di supplì, come i supplì Cacio e Pepe, i supplì alla carbonara e molti altri. 

Pizza al Taglio: Un'autentica esperienza gastronomica romana

Quando si parla di Italia si pensa automaticamente a Roma, all'arte, alla storia, alla cultura, alle chiese e alla pizza. Tradotto come "pizza al taglio", questo piccolo e paradisiaco street food è un'altra scelta eccellente per un pasto veloce e soddisfacente. La ricetta potrebbe affondare le sue radici nella stessa Roma, e si ottiene cuocendo la tradizionale pizza italiana in teglie quadrate o rettangolari, rendendole un po' più grandi della tradizionale pizza circolare al taglio (pizza rondò). 

La pizza al Taglio viene venduta a peso, di solito a 100 grammi, il che la rende una scelta eccellente per lo street food romano in movimento. Prendete una piccola fetta o un pezzo grande, come preferite. Mangiatela mentre camminate o guardate la folla che passa in una delle tante piazze di Roma. La scelta del condimento dipende dal negozio, ma siamo a Roma, per carità. Sapete che ci saranno molte scelte, alcune delle quali potrebbero essere nuove e sconosciute ai turisti. Potete trovare alcune delle migliori pizze al taglio di Roma nel mercato di Testaccio o nel quartiere di Trastevere. 

Trapizzino: Una nuova interpretazione della pizza

trapizzino

Fonte: trapizzino.it

Avete mai piegato a metà una fetta di pizza e l'avete mangiata come un panino? In Italia non è necessario ricorrere a queste tattiche. Non quando si può mangiare il trapizzino a Roma.  

Trapizzino (trapizzini al plurale) è il termine che indica un cibo di strada a forma di triangolo o di cono, metà panino e metà pizza. Il nome è un gioco di parole tramezzino (panino triangolare) e pizza.  

Il pane o la crosta sono di solito più spessi della solita pizza; dopo la frittura o la cottura, la base del triangolo viene aperta e riempita con varie farciture (il processo che lo distingue dai calzoni, anche se questo è cambiato negli ultimi anni). Gli ingredienti abituali sono manzo, pollo, maiale, pesce e uova, ma i trapizzini possono essere farciti con cibi più esotici come seppie, trippa, merluzzo e coda di bue. La sua presentazione lo rende un cibo popolare da consumare in viaggio. 

Ciò che sorprende di questo famoso street food è che è relativamente nuovo. La pizza al taglio, nella sua forma attuale, è stata introdotta per la prima volta negli anni Cinquanta. Il supplì è ancora più antico, con documenti che indicano che veniva venduto a Roma nel XIX secolo. I trapizzini, invece, sono stati venduti per la prima volta nel 2008 dal pizzaiolo Stefano Callegari nel suo negozio 00100, situato nel quartiere Testaccio. Il successo a Roma è stato immediato e il nuovo concetto si è diffuso a macchia d'olio in tutta la città.  

Da allora, il negozio originale 00100 ha chiuso i battenti ed è stato ribattezzato Trapizzino. Ci sono sei di questi negozi a Roma, in luoghi come Testaccio, Mercato Centrale e Ponte Milvio. Questi locali offrono altri cibi come i supplì e integrano il loro menu con vari liquori come le birre artigianali. La sede di Trastevere è particolarmente degna di nota perché è anche una cantina. È possibile consultare il sito web del negozio classico Trapizzino qui

Carciofi alla Giudia: un connubio di culture

L'antica Roma (sia repubblicana che imperiale) e la Giudea non avevano un rapporto ottimale durante i primi secoli d.C. Gli insediamenti ebraici non gradivano il modo in cui gli eserciti romani calpestavano e Pax Romana-sono andati in giro per il Mediterraneo con i loro elmi piumati e i loro numerosi, molti divinità. I Romani, nel frattempo, non apprezzavano l'approccio monoteista della Giudea e il suo rifiuto di far cooptare la propria religione nel pantheon romano. Né gradirono che le loro province si ribellassero.  

Nel corso dei secoli, lo scisma tra i due Stati e le loro diverse credenze fu sanato, e Roma divenne più accettante nei confronti della fede e dello stile di vita ebraico - un sentimento ben rappresentato dal fatto che la prossima voce della nostra lista è una combinazione distinta di entrambe le cucine. 

I carciofi alla Giudia sono un piatto amato e iconico della Città Eterna, parte della cucina ebraica romana. Il piatto è preparato con carciofi romaneschi, che possono essere raccolti tra febbraio e aprile. I carciofi vengono puliti, tagliati, appiattiti e disposti a fiore, quindi fritti fino a diventare croccanti e dorati. I carciofi vengono poi conditi con sale e altri ingredienti per esaltare o contrastare il sapore della frittura. I carciofi alla Giudia sono un popolare cibo di strada che si trova in molti luoghi della città. 

Pinsa: Rivisitazione delle antiche ricette di Roma

un primo piano di due fette di pizza su un piatto

Sulla carta, la pinsa sembra (in più di un modo) una sorta di pizza. Entrambe sono piatte, entrambe sono cotte al forno ed entrambe sono condite con diversi ingredienti. La differenza sta soprattutto nell'impasto. L'impasto della pizza napoletana tradizionale è fatto con lievito, farina di grano, acqua e sale. L'impasto della Pinsa è realizzato con una miscela di farine diverse come riso, grano e soia, che lo rende più soffice e si sbriciola facilmente. Inoltre, l'impasto viene fatto fermentare per dare un tocco di sapore in più. Questa combinazione unica rende la pinsa più leggera sia in termini di consistenza che di calorie. Le pinsas sono anche realizzate in forme ovali irregolari a causa della consistenza dell'impasto. 

È provato che la ricetta della pinsa esisteva fin dai tempi degli antichi romani, e che essa fa parte dei piatti classici romani. La sua adozione nei circoli culinari contemporanei è stata accolta con entusiasmo, con un aumento della popolarità di questo tipo di cibo di strada negli ultimi anni.  

Maritozzo con la panna

È uno dei dolci più famosi di Roma. Si tratta di una brioche morbida e soffice, solitamente tagliata a metà e riempita con molta panna montata. Gli abitanti di Roma mangiano questa prelibatezza per colazione o come spuntino di metà mattina. Molte pasticcerie o caffetterie lo vendono appena sfornato ogni mattina.

Conclusione

Con questo abbiamo concluso i nostri cibi di strada preferiti. Ci sono altre scelte popolari nella scena del cibo di strada di Roma di cui non abbiamo parlato, come il gelato, la porchetta, il maritozzo e altri ancora. La nostra lista non è affatto esaustiva e siamo sicuri che troverete altri cibi di strada italiani da provare durante il vostro tour a piedi. Ancora una volta, il cibo è una parte importante della ricca storia e cultura di Roma. Prendetevi quindi il tempo necessario per assaporarli durante il vostro viaggio.